Presidi

Con lo stesso trasporto del padre Amèrico, Ernesto si è spinto al di fuori dei confini regionali. Abruzzo, Puglia e Sicilia sono diventate una seconda casa. Dagli uliveti e dai frantoi situati in questi territori, le olive iniziano il loro percorso di trasformazione. Per la prima volta sul suolo nazionale, il rapporto con gli Olivicoltori d’Italia è fondamentale. Dal 2002 ad oggi, milletrecentotrenta olivicoltori in tre diverse regioni, conferiscono le olive nei frantoi di proprietà e in altri gestiti dall’azienda. Il confronto diretto con gli Olivicoltori è un requisito esclusivo della Coppini Arte Olearia. Gli esperti agronomi li seguono nella raccolta passo dopo passo. Li ascoltano, li stimano e si fidano di loro. Dettando tempi e modalità, gli agronomi supportano gli olivicoltori partner, migliorando la produzione degli uliveti di cui l’azienda conosce l’ubicazione esatta attraverso la particella catastale. L’ulivo così, dà vita a frutti di pregio. I profumi intesi di carciofo e pomodoro e il gusto della “Terra dell’Olio e dell’Ulivo” arrivano direttamente sulla tavola dei consumatori. Questo profondo legame agronomi-olivicoltori partner, è un valore aggiunto per la realizzazione di un olio dalle caratteristiche uniche. Tutta la produzione è curata nel minimo dettaglio: ogni passaggio deve avvenire al tempo giusto, questo il segreto per produrre un olio di eccellenza. Nel frantoio la frangitura avviene entro ventiquattro ore dalla raccolta, utilizzando impianti di ultima generazione della Pieralisi, ulteriore attenzione per assicurare un ottimo risultato.

La bontà dell’olio di Coppini Arte Olearia è determinata dalla condivisione di uno scopo comune: portare in tavola un prodotto autentico e di qualità certa e certificata.