Elegance Creative Shop

Opificio Verde

La Coppini Arte Olearia per sua stessa natura e tradizione non può che essere particolarmente attiva e attenta alla salvaguardia dell’ambiente. Il concetto di sostenibilità delle risorse parte dal presupposto che queste siano quantitativamente finite e non indeterminate. Questa consapevolezza deve essere oggi il fattore principale nelle valutazioni sugli interventi che maggiormente incidono sulla collettività, come la realizzazione di nuovi edifici.

opificio verde

Seguendo questo principio, abbiamo concepito la costruzione del nostro nuovo stabilimento che sorge sul fronte autostradale A1, corsia sud, adiacente all’Ente Fiere di Parma. Si tratta di un Opificio Verde, funzionante ad energie rinnovabili, con cui l’azienda si è impegnata ad aderire al progetto 20-20-20 dell’Unione Europea, che prevede entro il 2020 un incremento del 20% nell’uso delle fonti di energia rinnovabile e la riduzione delle emissioni di gas serra del 20% rispetto ai valori rilevati nel 1990. Nella progettazione di questo nuovo stabilimento, abbiamo posto una particolare attenzione alle risorse energetiche impiegate per il funzionamento della produzione e all’impatto in termini di inquinamento. Con la nuova sede, che sarà alimentata con energia ottenuta attraverso l’utilizzo di un impianto fotovoltaico e geotermico, il nostro impegno è quello del 50-50-2015: giungere entro il 2015 ad una riduzione delle emissioni del 50% e all’utilizzo di energie rinnovabili per il 50% del fabbisogno relativo alla nostra produzione. Per raggiungere questo traguardo si è scelto di utilizzare materiali sostenibili per ciclo vitale e per efficienza prestazionale: pannelli sandwich prefabbricati e sovrapposizione di due differenti materiali isolanti a masse diversificate. I materiali utilizzati in questo intervento garantiscono un esemplare rapporto tra sicurezza, efficienza e durata nel tempo e una riduzione dei costi energetici. Il nostro impegno non si fermerà al 2015, ci siamo posti, infatti, un obiettivo finale ancora più ambizioso: giungere ad un 100-100-2020, cioè raggiungere l’autosufficienza energetica attraverso l’utilizzo esclusivo di energie pulite entro il 2020…ma siamo fiduciosi di riuscire a raggiungere questo obiettivo molto prima!